Questo sito, nell' affrontare la questione delle nocività (e più in particolare quelle del territorio bresciano), vuole essere uno strumento di comunicazione in continua crescita, nella struttura quanto nei contenuti. Sono dunque molto graditi commenti, critiche, opinioni, contributi...
__copia!-incolla!-linka!-usa!-diffondi!__
ultimo aggiornamento 08/09/08

pagina iniziale. clicca per entrare nella homepage

Siamo un gruppo di individui affini impegnati nella lotta contro le nocività ambientali nella zona in cui viviamo. Pensiamo che vivere la nocività sia vivere sulla nostra pelle uno degli innumerevoli tentacoli repressivi che difendono e creano il sistema di sfruttamento e di oppressione nel quale sopravviviamo ogni giorno; è cioè sopravvivere nel capitalismo. Ogni giorno senza respiro.Ogni giorno nella sopravvivenza della schiavitù salariale; senza respiro, soffocati dai tempi di produzione e di consumo di questa enorme fabbrica che ci stritola e uccide noi tutti e la natura di cui siamo parte integrante. Ogni giorno nel conflitto e nelle lotte sociali con la passione della libertà e la rabbia per le ingiustizie che bruciano nel sangue;senza respiro nell’abbattere i muri e le sbarre che ci obbligano ad una vita non vissuta.Ci troviamo dunque a creare ecologia in ogni istante di vita: ecologia come discorso sul e nell’ambiente in cui viviamo; Ecologia come modo di rivedere tutte le cose e le relazioni tra gli individui, le società e le loro nature; Ecologia come rapporto erotico, contemplativo e totale tra noi e la natura. Lottiamo contro la pornoecologia delle scienze, dei saperi istituzionalizzati, delle deleghe politiche che hanno trasformato l’ambiente e l’uomo in merci. Consapevoli che il dominio dell’uomo sull’uomo è dominio dell’uomo sulla natura, lottiamo per la distruzione delle condizioni sociali che mantengono questo sistema di sfruttamento. Ci riteniamo individui liberi, contrari ad ogni forma di informazione spettacolare e di propaganda.
Non deleghiamo nulla delle nostre vite e siamo contrari al principio di delega, consapevoli che la responsabilità del proprio agire e la passione o sono individuali
o non sono.


Entra nel sito

N.B: Non sono benvenuti Fascisti e Razzisti di qualsiasi genere